Parliamo di correzione dei difetti visivi miopici con la tecnica SMILE

La SMILE (small incision lenticule extraction) è una tecnica introdotta nel 2017 che ha  suscitato un grande interesse fra i chirurghi refrattivi . In breve tempo si è imposta e moltissimi chirurghi in tutto il mondo hanno già eseguito oltre un milione di trattamenti. La procedura è rapida ,sicura, efficace e soprattutto minimamente invasiva, se confrontata con la PRK o la Femtolasik. Il recupero funzionale del paziente è veloce, il processo di guarigione della cornea rapidissimo ,la stabilizzazione visiva pressoché immediata. Inoltre questa metodica rispetta le terminazioni nervose corneali anteriori, mantenendo inalterata la sensibilità corneale quindi minori sintomi di disconfort e secchezza oculare. La terapia postoperatoria è di breve durata. La Smile attualmente è praticabile per la correzione della miopia e dell’astigmatismo miopico non è possibile al momento la correzione dell’ipermetropia.

Le tecniche attualmente usate per la correzione dei difetti visive sono attualmente la PRK l a Femtolasik e la Smile.

La PRK, tecnica di prima generazione, modifica la curvatura corneale rimuovendo il tessuto corneale in superficie utilizzando il laser ad Eccimeri.

La FEMTO LASIK, tecnica di seconda generazione prevede la realizzazione di un Flap (una lamella circolare) con Femtolaser e successivamente la fotoablazione con il laser eccimeri.

La SMILE, tecnica di terza generazione, modifica la curvatura corneale rimuovendo, attraverso una mini-incisione, un lenticolo di tessuto, precedentemente scolpito con il laser a femtosecondi, realizzando una chirurgia mini invasiva senza  flap.

Lo schema seguente sintetizza le peculiarità delle tre procedure.

 

PRK FEMTO LASIK SMILE
Photorefractive Keratectomy Laser-Assisted in situ Keratomileusis Small Incision Lenticule Extraction
Difetti correggibili Miopia, astigmatismo, ipermetropia Miopia, astigmatismo, ipermetropia Miopia ed astigmatismo
Tipo di laser utilizzato Eccimeri Femtosecondi + Eccimeri Femtosecondi
Tipo di approccio chirurgico Rimozione dello strato superficiale della cornea Incisione circolare della cornea con laser a femtosecondi e creazione del flap Mini-incisione superficiale di 2- 3 mm effettuata con un laser a femtosecondi
Rimodellamen-to corneale Fotocheratectomia superficiale per modificare la curvatura della cornea Fotoablazione della cornea al di sotto del flap per modificare la forma della cornea Il femtolaser crea un sottile lenticolo all’interno della cornea
Termine della procedura Applicazione di una lente a contatto terapeutica Il flap è ribaltato dal chirurgo nella sua posizione originaria Il chirurgo rimuove il lenticolo attraverso la mini-incisione
Vantaggi Ripetibile,costi contenuti Veloce  recupero visivo. Correzione di tutti i difetti visivi Risparmia il tessuto corneale superficiale,è estremamente poco invasiva
Svantaggi Periodo di guarigione più lungo, poco confortevole Possibili complicanze nella gestione del flap Tecnica ancora poco diffusa,costi
Decorso Senso di corpo estraneo e dolore talvolta intenso per 3-4 giorni Guarigione rapida,minimo discomfort. Stabilizzazione rapida Guarigione molto rapida e discomfort minimo, stabilizzazione rapida
Recupero lento,terapia protratta Buon recupero visivo in 1-2 giorni
Limitazioni Astensione da attività sportive per circa 15-30 giorni Astensione da attività sportive per circa 15-30 giorni Astensione da attività sportive per circa 7 giorni

 

Il seguente link  mostra schematicamente la procedura Smile.

https://youtu.be/SCKAjGvn8NU

 

Le tre tecniche descritte sono tutte  valide  ed ampiamente praticate.

Esistono indicazioni per l’una o per l’altra e la scelta del chirurgo si fonda sulla selezione delle caratteristiche anatomo cliniche e relazionali del paziente.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *